Loading

venerdì 14 ottobre 2016

La risposta sta soffiando nel vento

Al momento di scegliere il titolo per il post dell'altroieri ho passato in rassegna canzoni che facessero cenno al vento. Alla fine ho optato per Troppo vento di Fabio Concato, perché la prima che mi era venuta in mente, Blowin' In The Wind, non ci azzeccava un accidente con l'argomento del post. Eppure, se avessi scelto proprio quella, magari oggi potrei vantarmi per la mia preveggenza, visto che il suo autore, Bob Dylan, è stato insignito ieri del Premio Nobel per la Letteratura con la seguente motivazione: «per aver creato nuove espressioni poetiche nella grande tradizione della canzone americana». Finalmente un nome noto pressoché a tutti, è stato il mio primo pensiero... non come il vincitore di due anni fa, il cui cognome si prestava fin troppo alla facile ironia! ;-)
Che c'entra la musica pop con la letteratura?, si è chiesto Alessandro Baricco, azzardando uno spericolato paragone con un ipotetico Grammy Awards a Javier Marías per la musicalità della sua narrativa; ma sotto sotto secondo me rosicava da morire, perché lui il Nobel può soltanto sognarselo. ;-) In realtà le parole di certe canzoni, scritte da Bob Dylan ma non solo, sono testi letterari a tutti gli effetti – la letteratura è stata definita come «l'insieme delle opere variamente fondate sui valori della parola e affidate alla scrittura, pertinenti a una cultura o civiltà, a un'epoca o a un genere» – che non hanno nulla da invidiare alle poesie più belle. Nessuno avrebbe trovato qualcosa da ridire se ad essere premiato fosse stato un poeta, come peraltro è accaduto più volte in passato. E a Baricco ha ribattuto in modo assai pungente il giornalista Gianni Riotta... ;-)
Riporto qui di seguito il testo della summenzionata Blowin' In The Wind...
How many roads must a man walk down
Before you call him a man?
Yes, 'n' how many seas must a white dove sail
Before she sleeps in the sand?
Yes, 'n' how many times must the cannon balls fly
Before they're forever banned?
The answer, my friend, is blowin' in the wind
The answer is blowin' in the wind
How many years must a mountain exist
Before it is washed to the sea?
Yes, 'n' how many years can some people exist
Before they're allowed to be free?
Yes, 'n' how many times must a man turn his head
And pretending that he just doesn't see?
The answer, my friend, is blowin' in the wind
The answer is blowin' in the wind
How many times must a man look up
Before he can really see the sky?
Yes, 'n' how many ears must one man have
Before he can hear people cry?
Yes, 'n' how many deaths will it take till he knows
That too many people have died?
The answer, my friend, is blowin' in the wind
The answer is blowin' in the wind
... e la relativa traduzione.
Quante strade deve percorrere un uomo
Prima che lo si possa chiamare uomo?
Sì, e quanti mari deve navigare una bianca colomba
Prima di poter riposare nella sabbia?
Sì, e quante volte le palle di cannone dovranno volare
Prima che siano per sempre bandite?
La risposta, amico mio, sta soffiando nel vento
La risposta sta soffiando nel vento
Quanti anni deve esistere una montagna
Prima che venga spazzata fino al mare?
Sì, e quanti anni certa gente può esistere
Prima che le venga permesso di essere libera?
Sì, e quante volte un uomo deve girare la testa
E fingere di non vedere?
La risposta, amico mio, sta soffiando nel vento
La risposta sta soffiando nel vento
Quante volte un uomo deve guardare verso l'alto
Prima di riuscire a vedere il cielo?
Sì, e quante orecchie deve avere un uomo
Prima di poter sentire la gente piangere?
Sì, e quante morti ci vorranno perché egli sappia
Che sono morte troppe persone?
La risposta, amico mio, sta soffiando nel vento
La risposta sta soffiando nel vento
Se credi che questa non sia vera poesia solo perché Dylan la "declama" a tempo di musica, mi spiace ma non mi trovi affatto d'accordo. Sul suo talento canoro, invece, possiamo discutere finché ti pare... ;-)
Qui sono raccolte cinque delle migliori canzoni di Bob Dylan, punto di partenza per farmi una cultura al riguardo... Altrimenti mi succede come con Dario Fo, che il Nobel lo vinse nel 1997, e ha lasciato questo mondo senza che la sottoscritta si premurasse di conoscere ed apprezzare la sua opera.

Nessun commento:

Posta un commento