Loading

martedì 2 marzo 2010

Photoshop? Tsk! :-)

[Qui accanto è raffigurato il coyote Wilber, mascotte di The GIMP]
Una delle ultime lezioni a cui ho assistito nell'ambito del corso su Linux organizzato dal PescaraLUG era dedicata a The GIMP, acronimo di GNU Image Manipulation Program, attualmente alla versione 2.6.8: per la sottoscritta è stata l'occasione per scoprire finalmente le funzionalità di quest'ottimo programma libero di fotoritocco che era già incluso nella distro Ubuntu 9.10 installata sul mio netbook. Se dal punto di vista dei professionisti del settore questo software non è ancora all'altezza del famoso Adobe Photoshop, in quanto non supporta la quadricromia (CMYK) e la stampa tipografica, per gli utenti comuni, che sono la stragrande maggioranza, The GIMP è senza dubbio la scelta migliore. Infatti...
  • offre un'ampia gamma di funzionalità, aggiunte in continuazione dall'attivissima comunità dell'open source;
  • è multipiattaforma, ossia non è disponibile soltanto per Linux ma anche per Windows e per Mac;
  • a quanto pare è risultato superiore a Photoshop in un test comparato di usabilità per i principianti (se chi era abituato al software di casa Adobe potrebbe rimanere un po' spiazzato dalla differente implementazione di alcune funzioni, chi come me non si è mai occupato di fotoritocco "si ambienterà" senza alcun problema);
  • infine è gratuito, non so se mi spiego... anche se visitando il sito da cui è possibile scaricarlo ti viene proposto con discrezione di lasciare un contributo. E mi sembra più che giusto. Scusa, quant'è che costa Photoshop? ;-)
Finora non ho avuto modo di approfondire i concetti più avanzati implicati da questo software, come i livelli, i canali e i tracciati (se ti interessa, puoi trovare delle informazioni al riguardo sulle slide proiettate durante la lezione del PescaraLUG). Mi sono solo divertita a giocherellare un po' con i filtri, applicandoli a una fotografia tratta dal mio archivio personale (che per inciso, approfittando di un buono omaggio ricevuto da Saturn, ho recentemente fatto stampare assieme ad altre undici su carta patinata, per un calendario 2010 davvero personalizzato! :-)). Per l'immagine di partenza ho scelto una risoluzione bassa (640x480), in modo tale da rendere gli effetti ottenuti più evidenti nel template del blog.
Ecco la foto originale...

... mentre il set completo delle immagini elaborate puoi trovarlo qui.
Ecco le immagini preferite dall'artista che è in me (si fa per dire, perché in questo caso non ho dovuto far altro che usare le impostazioni predefinite, o quasi ;-)).
Lo stile del Cubismo...

... quello della Pittura ad olio...

... e quello cosiddetto GIMPressionista.

Inoltre ecco l'effetto Vecchia foto, tratto dai filtri Decorativi...

... e quello Mosaico, classificato tra le Distorsioni.

Allora... che cosa stai aspettando a scaricare The GIMP? :-)

2 commenti:

  1. La foto in bianco e nero mi piace molto.

    RispondiElimina
  2. Bella, eh? Sembra davvero scattata nel secolo scorso! :-) Il mosaico invece non è venuto granché bene, avrei dovuto selezionare tessere un po' più piccole...

    RispondiElimina