Loading

sabato 31 gennaio 2009

Fidanzarsi nel '700

Questa sera ho rivisto in televisione il film del 2005 Orgoglio e pregiudizio, di cui avevo già noleggiato il dvd, mentre anni fa ebbi modo di leggere il romanzo di Jane Austen da cui è tratto. Per buona parte del film avrei scelto, per definire la storia, il termine «antiquum» (come mi pare che dicesse la cubista Alexia ai tempi del Pippo Chennedy Show ); voglio dire, ci sono film ambientati ad esempio nell'antica Roma che mi sembrano più attuali di questo, ambientato nell'Inghilterra di fine '700. Ma in fondo la pellicola risulta piuttosto fedele al romanzo, e non dubito che quest'ultimo rispecchiasse la società dell'epoca (leggerlo mi aveva trasmesso una sensazione di maggiore modernità, intesa come riconoscibilità di situazioni e valori ancora in auge ai nostri tempi, comunque) .
Il mio romantico cuoricino ha inevitabilmente cominciato a "squagliarsi" man mano che la passione tra i due protagonisti si faceva palpabile... e tutto senza fare ricorso a scene che non fossero castigate (non si è visto neppure un bacio, figuriamoci). Keira Knightley mi è sembrata abbastanza adeguata per il ruolo della protagonista, anche se quando ho letto il libro Elizabeth me l'ero immaginata meno esile e diafana. Invece Matthew Macfadyen, l'attore che impersonava Mr Darcy, non mi ha fatto una grande impressione...

Caro signor Philips...

... in questi giorni nella blogosfera si è parlato parecchio dei post pubblicati dalle blogger DElyMyth, Clarita e Catepol per decantare le doti dello spazzolino elettrico ricaricabile Oral-B Professional Care 8500, recapitato loro tramite la PromoDigital; Rick ci ha imbastito su una vera e propria saga (spassosissima, devo dire ). Per quanto mi riguarda, qualche mese fa ho acquistato uno spazzolino elettrico Philips HX1610, che nella lotta alla placca e al tartaro si è rivelato assai più efficace dello spazzolino manuale abbinato al filo interdentale... a tal punto che a 'sto giro conto di scampare il pericolo della pulizia dei denti: per me un autentico spauracchio, come ho avuto modo di raccontare. Mi chiedevo quindi: non è che ci sarebbe la possibilità di ricevere, che so, una cospicua fornitura di testine di ricambio, a titolo di ringraziamento per la mia opinione favorevole? Niente da fare, eh? Vabbe', io ci ho provato...
P.S.: Me la toglierebbe una curiosità? È da quando ho comprato lo spazzolino che mi chiedo come faccia a ricaricarsi, dal momento che non vedo traccia di contatti metallici né sul supporto caricabatterie né sull'impugnatura. Magia?!

giovedì 29 gennaio 2009

Vale la pena di ricordare

L'altroieri, 27 gennaio, è stato il Giorno della Memoria (ecco, forse non era questo il periodo più indicato per ufficializzare una decisione del genere... ), ma anche oggi è una ricorrenza che va commemorata. Esattamente trent'anni fa, il 29 gennaio 1979, il magistrato abruzzese Emilio Alessandrini veniva assassinato a Milano da un commando del gruppo terroristico Prima Linea. Non mi pare che sia uno dei più noti fra le vittime del terrorismo: io stessa, pur abitando a breve distanza da Penne, sua città natale, non so molto sulla sua vicenda... perciò sarà proprio il caso di consultare, oltre alle pagine di Wikipedia che ho già linkato, anche il sito dell'associazione culturale intitolata al magistrato. È ovvio che i lettori interessati sono caldamente invitati a fare lo stesso!

Scopri il cosmo!

Poco tempo fa ho sottoscritto tramite Google Reader il feed del sito APOD (Astronomy Picture of the Day). Ogni giorno la NASA mette a disposizione una diversa immagine o fotografia del nostro affascinante universo, insieme a una breve spiegazione scritta da un astronomo professionista. Ecco la foto pubblicata il 28 gennaio, e intitolata A Partial Eclipse Over Manila Bay. Non è uno spettacolo?

mercoledì 28 gennaio 2009

Ribaltamenti

Mi è appena arrivato un messaggio (su Facebook? ebbene sì...), e subito dopo aver finito di leggerlo ho pensato «Troppo forte, questo testo devo assolutamente pubblicarlo nel blog!». Eccovelo, quindi.

Nel nostro partito politico manteniamo le promesse.
Solo gli imbecilli possono credere che
non lotteremo contro la corruzione.
Perché se c'è qualcosa di sicuro per noi è che
l'onestà e la trasparenza sono fondamentali
per raggiungere i nostri ideali.
Dimostreremo che è una grande stupidità credere che
la mafia continuerà a far parte del nostro governo come in passato
Assicuriamo senza dubbio che
la giustizia sociale sarà il fine principale del nostro mandato.
Nonostante questo, c'è gente stupida che ancora pensa che
si possa continuare a governare con i trucchi della vecchia politica.
Quando assumeremo il potere, faremo il possibile affinché
finiscano le situazioni di privilegio.
Non permetteremo in nessun modo che
i nostri bambini muoiano di fame.
Compiremo i nostri propositi nonostante
le risorse economiche siano esaurite.
Eserciteremo il potere fino a che
Si capisca da ora che
Siamo il partito di FORZA ITALIA, la nuova politica


Se state pensando «Embè?», provate a rileggere il tutto partendo dall'ultima riga...

Io & Faccialibro

Poco tempo fa mi ero detta restia ad utilizzare Facebook; le mie perplessità riguardavano soprattutto la privacy (ad esempio, non mi pare carino che anche un perfetto estraneo possa visualizzare l'elenco dei miei amici... ma a tal proposito ho appena trovato delle slide che sembrano proprio fare al caso mio). Neanche un mese dopo la pubblicazione di quel post, mi sono alfine decisa ad entrare a pieno titolo nel magico mondo di Faccialibro: cedendo alle insistenze dei miei vecchi compagni di scuola, mi sono iscritta al gruppo dedicato alla nostra classe delle superiori. L'amico che ha fondato il gruppo ha deciso di nominarci tutti responsabili (evviva la democrazia! )... però, mentre agli altri ha assegnato un titolo che rispecchia quello che sono o fanno adesso, a me ha affibbiato l'appellativo di secchia...  e soltanto perché al liceo ero la prima della classe! A quel punto ammetto che per un istante, un brevissimo istante, nella mia mente è balenata la frase sul gruppo del liceo pronunciata nel celebre filmato Faccia da Facebook (sono permalosa, lo so )... ma poi, in seguito alle mie rimostranze, ho ottenuto un titolo un pochino più adeguato, e amici come prima!
Dopo aver declinato lo scherzoso invito a diventare fan del pornodivo Franco Trentalance (ho una reputazione da difendere, io! ), ho iniziato a scoprire che su Facebook si può essere fan veramente di chiunque (io vi consiglio Alex Del Piero e Paola Cortellesi) e di qualsiasi cosa (dagli arrosticini allo scoppiare la carta da imballaggio, nientemeno). Infine, due settimane fa sono entrata nel "tunnel" di Who Has The Biggest Brain, un'applicazione che ricorda la linea Brain Training per Nintendo DS ma in salsa "social"... e chissà come andrei forte se avessi il tastierino numerico, la cui utilità per l'immissione di numeri l'ho scoperta da poco (no, il tastierino virtuale "embeddato" nella tastiera del portatile non è mica la stessa cosa). Il mio tallone d'Achille è la memoria a breve termine: lo sapevo, io, che dovevo esercitarmi di più con questo test!
Ah, ricordate quando vi parlai del nome scelto per la mascotte dei Giochi del Mediterraneo che si svolgeranno quest'estate a Pescara? Auà, per la precisione. Ebbene, l'altro giorno su Facebook mi sono iscritta al gruppo Quelli che pensano che la mascotte di Pescara 2009 sia una cafonata. Condivido in pieno il punto di vista espresso dal fondatore del gruppo, che peraltro è un pescarese DOC:
Io non ho niente contro la persona che lo ha disegnato, sarebbe anche simpatico,ma che nome è Auà?! c'è da dire che io amo il mio dialetto, adoro scherzare con gli amici parlando in Pescarese, amo questa città, sono fiero di essere Pescarese e nelle vene mi scorre sangue Biancazzurro, ma...Auà n'zi pò sentì, Auà nz'affront...Immaginate che cavolo penserà di noi il resto d'Italia e a questo punto il resto d'europa...mah...che dire...
Invito coloro che dovessero condividere questa goliardica iniziativa a cercare su Facebook il gruppo, che al momento conta 347 membri, e iscrivervicisi:  il promotore ha assicurato «se arriviamo a 500 persone farò una raccolta firme per cambiare il nome della mascotte!!!».
Infine... ieri, anche se un po' mi scocciano le applicazioni che si installano nel profilo, ho accettato l'invito a rispondere al quiz Quanto odi Gigi D'alessio. Siccome sono buona d'animo, non me la sono sentita di dare le risposte più crudeli escogitate dall'ideatore del test, ed ecco il risultato:

Credetemi, devo ancora riprendermi dallo shock...  Se mostro questo reperto, anziché nasconderlo vergognandomi come una ladra, è semplicemente perché sono convinta che l'attendibilità di questo quiz sia tendente a zero!  (Comunque non è esatto dire che io Giggi lo odio... in effetti proprio non lo sopporto, è diverso!)

lunedì 26 gennaio 2009

Giocare col fuoco

Gli irriducibili sostenitori di Berlusconi sono sempre pronti a giustificare anche le battute più becere pronunciate dal loro idolo, ripetendo a oltranza frasi del tipo «Si sa che a lui piace scherzare» (ma è il capo del governo oppure un comico? No, lasciamo perdere, preferisco fare a meno di sentire la risposta... ) e «Lui è uno che dice sempre quello che pensa» (è proprio questo il problema, dico io! ).
Sarei curiosa di sapere cos'hanno da dire i seguaci del PresDelCons a proposito delle sue ultime due clamorose sparate.

  • L'altro giorno in Sardegna il premier ha raccontato una barzelletta a dir poco squallida sugli ebrei nei campi di concentramento; chissà se qualcuno ha avuto il coraggio di ridere...

  • Il suo commento di ieri sulle pressanti questioni sollevate dai recenti casi di stupro è stato che per garantire la sicurezza «dovremmo avere tanti soldati quante sono le belle ragazze» (e meno male che non ha aggiunto «le "cozze" no, tanto chi le tocca, quelle?»... ma non mi stupirei affatto se si fosse trattenuto per un pelo dal dirlo).


Ai bambini di solito si cerca di insegnare che bisognerebbe evitare nel modo più assoluto di scherzare sugli argomenti più spinosi. Temo però che il soggetto in questione sia davvero troppo cresciutello per cercare di recuperarlo...  Per giunta in quest'ultima circostanza, anziché limitarsi a giocare la solita carta del «sono stato frainteso», lui si è scagliato apertamente contro chi lo criticava per le sue esternazioni (Veltroni «ha detto una grande oscenità, come gli capita di sovente»...  e sorvoliamo sul fatto che di norma non si dice "di sovente" ma "sovente" e basta, al limite), invitando a non perdere mai «il senso della leggerezza e dell'umorismo». Due concetti che in situazioni così scottanti, nelle quali le parole chiave dovrebbero essere «rispetto» e «serietà», suonano del tutto fuori luogo.
Esigere un certo contegno da un rappresentante delle istituzioni, significa pretendere troppo? A questo punto temo proprio di sì...

Musica per tutti i gusti

BuzzParadise mi ha offerto l'opportunità di partecipare alla campagna per Dada Music Movement... e scrivo questo post per trarre le mie personali conclusioni in proposito.
Dada Music Movement è una grande Community musicale che offre ai propri iscritti moltissime possibilità. Con l'iscrizione a Dada Music Movement gli utenti possono accedere gratuitamente a tutte le funzionalità della Community (denominata The Movement), ed hanno la possibilità di attivare, a pagamento, la funzionalità del download dei contenuti.
La piattaforma Dada Music Movement si compone di più servizi, alcuni dei quali completamente gratuiti, messi a disposizione degli utenti:
MUSIC STORE: gli utenti hanno la possibilità di ascoltare gratuitamente tutta la library di Dada Music Movement; scaricare gli Mp3 degli artisti preferiti, commentare, votare e diventare fan degli artisti.
THE MOVEMENT: gli utenti hanno la possibilità di scoprire, in base ai propri interessi musicali, nuovi amici con i quali scambiarsi messaggi e opinioni sui propri idoli.
BLOG E FORUM: all'interno dei propri personal space gli utenti possono creare blog e forum di discussione.
FOTO E VIDEO: all'interno dei propri personal space gli utenti possono uplodare in maniera semplice e veloce foto e video.
E-MAIL: Gli utenti possono usufruire di un servizio di e.mail facile da usare e ricco di utili funzioni.
Per quanto riguarda i servizi a pagamento di Dada Music Movement, l'Offerta Musica con Carta di Credito/PayPal (30 MP3 al mese di ottima qualità senza DRM al costo di 9,90 euro IVA inclusa al mese) mi sembra una soluzione valida per scaricare musica legalmente a prezzi ragionevoli.
Molto altro ci sarebbe da dire su quest'applicazione piuttosto innovativa... ma penso che sia meglio se invito semplicemente i lettori interessati ad approfondire visitando il sito.
La campagna prevedeva che io navigassi nel catalogo e compilassi la mia playlist preferita di 15 brani. Ed ecco il risultato, in rigoroso ordine alfabetico in base al nome dell'artista:
Christina Aguilera, Beautiful
Anggun, Snow On The Sahara
Coldplay, Viva La Vida
Dido, Here With Me
Evanescence, My Immortal
Foo Fighters, Learn To Fly
Green Day, Boulevard Of Broken Dreams
Andreas Johnson, Glorious
Muse, Starlight
The Offspring, The Kids Aren't Alright
Skunk Anansie, Secretly
Subsonica, Colpo Di Pistola
Velvet, Funzioni Primarie
Robbie Williams, Eternity
Youssou N'dour feat. Neneh Cherry, Seven Seconds
Se volete ascoltarla, potete farlo utilizzando il player inserito qui sotto (ci ho messo un bel po' a crearlo seguendo le relative istruzioni, accidenti, perché non avevo idea che per visualizzare la playlist nel mio personal space ci volesse un apposito widget! ).



Sì, lo so che avrei dovuto specificare il momento della giornata e la situazione ideale per ascoltare la mia playlist... ma trovo impossibile stabilirlo a priori, perché in realtà le mie scelte musicali dipendono parecchio dall'umore del momento. Quella che ho creato non è la lista dei miei brani preferiti in assoluto, perché ci avrei messo una vita a compilarla. Mi sono limitata a selezionare quindici canzoni tra quelle che mi piace particolarmente ascoltare, accostandone alcune di atmosfera ad altre più energizzanti (e cercando di lasciare fuori quelle tendenzialmente stucchevoli! ). Le canzoni che ho scelto, anche se non tutte recentissime, sono piuttosto conosciute... ma mi riprometto di sfruttare le potenzialità offerte da Dada Music Movement per scoprire artisti meno "mainstream" e ampliare la mia cultura in fatto di musica leggera. La playlist creata da Vincenzo e i suggerimenti che gli sono stati offerti nei commenti sono già un buon punto di partenza, ma gradirei comunque moltissimo qualche dritta da parte dei lettori di questo blog!

giovedì 22 gennaio 2009

Un pangasio per amico?

Che cosa accomuna Gigi D'Alessio e Maria De Filippi (tanto per fare due nomi non proprio a caso ) al pangasio, pesce d'acqua dolce originario del Sud-est asiatico e sempre più diffuso anche da noi per il basso costo, ma dotato di qualità nutritive non proprio eccezionali? Tutti e tre i soggetti summenzionati possono vantare su Facebook una quantità di gruppi (ben cinquantadue, nel caso del Pangasius hypophthalmus) a loro dedicati, creati da estimatori ma anche, se non soprattutto, da detrattori. Se non ci credete, provate a dare un'occhiata nel social network più discusso del momento. Vi state chiedendo come mi è venuto in mente di parlare del pangasio? Perché perfino il TG1 di ieri sera gli ha dedicato un servizio...

mercoledì 21 gennaio 2009

A proposito di sorrisi

Vi ricordate di quando ho parlato di Un sorriso lungo un anno, iniziativa a sostegno della lotta al neuroblastoma? Ebbene, pochi giorni fa i Comicomix mi hanno inviato un graditissimo messaggio e-mail per ringraziarmi della mia adesione (ma figuriamoci, per così poco... semmai grazie a voi per quello che fate! ) e per informarmi circa l'avvenuto versamento alla Fondazione per la Lotta al Neuroblastoma dell'importo di 1094 euro, pari a 2 euro per ognuno dei partecipanti all'iniziativa. Ma non finisce qui...
Per il 2009, noi Comicomix abbiamo deciso di riproporre solo l’iniziativa Regala un Sorriso: quella dei disegni. Basterà inviarci un disegno, un fumetto, quello che volete. Per ogni disegno ricevuto anche nel 2009 noi verseremo 2 euro alla Fondazione per la lotta al neuroblastoma. Se siete pigri o comunque non vi va di fare un disegno potete comunque darci una mano. Basta passare parola, dirlo a qualcuno che può essere interessato, segnalare la cosa, insomma. A scuole, ad amici, a chi volete voi.
Per maggiori informazioni, vi rimando a questo post.
E allora? Che cosa state aspettando?

martedì 20 gennaio 2009

X Factor - Seconda puntata

(No, il post sulla prima puntata non cercatelo: non l'ho mai scritto!)
L'anno scorso X Factor l'avevo snobbato fin troppo, ma quest'anno ho deciso di seguirlo con maggiore assiduità, almeno limitatamente alle puntate del lunedì sera: non mi va di perdermi la genesi di qualche potenziale fenomeno discografico!
Diciamo subito che personalmente non mi convince affatto l'usanza di abbinare ciascuno dei tre giurati a una squadra di concorrenti (quest'anno Mara Maionchi si occupa dei gruppi, Simona Ventura dei cantanti dai 16 ai 24 anni e Morgan di quelli dai 25 anni in su). Ho come l'impressione che i giurati si spertichino in elogi dei propri pupilli più per spirito di squadra che per reale convinzione; lasciare che i tre rimangano super partes sarebbe senz'altro preferibile dal punto di vista strettamente musicale... ma allora cosa ne sarebbe dei continui battibecchi in puro stile reality che tanto piacciono al telespettatore medio? (non certo a me... e scusate se risulto snob)
Ieri sera allo spareggio finale sono andati un gruppo (i Farias) e una over 25 (Elisa Rossi). Morgan e Mara hanno salvato ciascuno il proprio concorrente, e quindi SuperSimo, alla quale spettava la responsabilità di fare da ago della bilancia, ha scelto di "sacrificare" Elisa perché non se la sentiva di dimezzare la squadra di Mara; infatti al termine della prima puntata era stato eliminato un altro gruppo, i Sinacria Sinphony (o Symphony?). A quel punto Morgan ha iniziato a inveire contro Simona, accusandola senza tante perifrasi di non capire niente... e vai con la lite!
Ma ecco la mia impressione sulle performance di ieri sera.
Prima manche

  • Le Sisters of Soul, forse sperando che Tiziano Ferro portasse bene a loro come è già accaduto con Giusy Ferreri, hanno cantato Rosso relativo. La peggior performance della prima manche, a mio avviso... ma il televoto le ha salvate, e la Ventura si è presa la "colpa" di ciò: le sue aspre critiche alla girlband avrebbero convinto il pubblico a supportarle votandole. Sarà proprio così?

  • La performance di Enrico Nordio (Don't leave me this way) non è stata un granché, ma tenendo conto che aveva l'influenza è stato giusto non precludergli ulteriori chance.

  • La versione di Because the night proposta da Ambra Marie Facchetti è stata abbastanza convincente, anche se non particolarmente originale. Nota di demerito... per il piercing che porta sul labbro: non posso farci niente, provo quasi un dolore fisico a guardarlo!

  • È stata poi la volta dei The Bastard Sons of Dioniso. I tre trentini (ah ah ah) non mi hanno particolarmente colpita con la loro esecuzione di I just can't get enough, ma trovo che abbiano stoffa da vendere (non in senso tessile! ), e se ne avranno la possibilità verranno fuori alla grande.

  • Fra i concorrenti in gara, la futura mamma Elisa Rossi ha una voce gradevole e ben impostata, ma senza un timbro che la caratterizzi in modo inconfondibile... e proprio per questo, secondo me, le avrebbe giovato un repertorio comprendente pezzi ben più incisivi di On my own.

  • Secondo me, se quest'anno c'è un concorrente con il fattore X, quello è Daniele Magro, anche se il pezzo di ieri sera (Think) non era particolarmente adatto alle sue doti; nelle parti in cui Aretha Franklin sarebbe andata su con la voce, lui doveva andare giù per non giocarsi le corde vocali...


Seconda manche

  • La cosa che mi ha colpita di più ascoltando Giacomo Salvietti alle prese con Io vagabondo è stata la sua evidente incapacità di dosare la voce. Peccato soprattutto per la canzone, che a me, a differenza di Morgan, piace un sacco...

  • Secondo me l'esecuzione di Matteo Becucci, che ha cantato una versione di I should've known better tradotta in parte in italiano, è stata pressoché ineccepibile. Anzi, sappiate che io faccio il tifo per lui... specialmente dopo che nella prima puntata Dj Francesco gli ha fatto capire chiaramente che la partecipazione a X Factor potrebbe essere la sua ultima chance per sfondare (tra i cantanti in gara Matteo è il più anziano, se ho ben capito).

  • E ora, direttamente dalla Patagonia, i Farias, i concorrenti meno quotati nella blogosfera. Se nella prima puntata avevano cantato una canzone di De Andrè (sacrilegio! ), ieri sera hanno proposto Oye como va di Santana, un pezzo a loro più congeniale ma assai più adatto a un saggio di chitarra che di canto... e, se è vero che l'arrangiamento è stato modificato per renderlo vocalmente più "interessante", io non me ne sono accorta.

  • Mentre Serena Abrami cantava Anche un uomo di Mina, la sua voce, che di per sé non è neanche male, tremolava in maniera piuttosto sgradevole...

  • Di Albachiara cantata da Noemi ho ascoltato soltanto un pezzetto, ma tanto è bastato per rendermi conto che la sua versione era ben diversa dall'originale. Buon per lei: cantarla "alla Vasco Rossi" sarebbe stato sicuramente controproducente.


Come accennavo prima, il televoto ha scelto come candidati all'eliminazione Elisa Rossi e i Farias. Mi rendo conto che con quello che sto per scrivere vado in controtendenza rispetto alla stragrande maggioranza della blogosfera, ma ricordatevi che de gustibus non est disputandum Insomma, se basandomi soltanto sulla prima esibizione potevo essere indecisa su chi mi piacesse di più, anzi a pensarci bene propendevo per Elisa, dopo l'esecuzione dei brani per lo spareggio non ho più avuto dubbi sul fatto di preferire i Farias. Oh, a me la loro versione a cappella di Questo piccolo grande amore è piaciuta, mentre le canzoni scelte da (o per) Elisa le ho trovate (posso dirlo?) decisamente più "lagnose".
Alla prossima! (No, non intendo "alla prossima puntata"... Questo post è lunghetto perché quest'anno non avevo ancora mai parlato di X Factor, ma dubito che le mie divagazioni sull'argomento avranno cadenza settimanale)

lunedì 19 gennaio 2009

Autoreferenzialità

La mia ormai quasi biennale esperienza "blogosferica" l'avevo intrapresa senza particolari aspettative... eppure qualche bella soddisfazione me la sono presa lo stesso, a cominciare dall'Abruzzo Blog Award! Altri esempi? Beh, Gaspar Torriero ha aggiornato un suo post dopo che gli avevo segnalato nei commenti che il servizio da lui presentato era disponibile soltanto per gli utenti USA (non sarà stato niente di trascendentale, però a me ha fatto piacere). Ma soprattutto, un blogger tecnico come Gioxx ha pubblicato la versione aggiornata di un suo post su AVG Antivirus traendo spunto dalle mie modeste osservazioni. Son cose che fanno curriculum, no?
Dove voglio andare a parare? Beh, sappiate che The Novecento's Post ha indetto il Best Post Award 2009, al quale possono concorrere tutti i post scritti su Blog o su Tumblr, a patto che siano assolutamente originali e non riciclati o ripresi da altri post, scritti durante l'anno solare 2008 e in lingua italiana. I post saranno suddivisi in cinque categorie: Miglior Post Umoristico, Miglior Post Letterario, Miglior Post Fotografico Originale, Miglior Post Di Attualità (giornalistico), Miglior Post In Versi.
A me piacerebbe partecipare, nel puro spirito decoubertiniano (scopro soltanto adesso che la paternità della frase «L'importante non è vincere, ma partecipare» non va attribuita al fondatore dei moderni Giochi olimpici). Mi rendo però conto di non avere assolutamente l'imparzialità necessaria per valutare obiettivamente le mie "creazioni"; tanto per dire, certi testi che ho scritto "con tanto amore" non hanno ricevuto neppure un commento, a differenza per esempio delle due righe che ho buttato giù a proposito di un certo tormentone radiofonico e del breve post che ho dedicato a un attore noto più per la bellezza che per il talento (insomma, sarà vero che il fascino femminile attrae i maschietti, come sanno Rick e Samuele, ma pure noi donzelle non disdegniamo - o disdegnamo - di rifarci gli occhi! ). Potenza delle chiavi di ricerca... argomento che voglio toccare anch'io, prima o poi.
Insomma, non saprei proprio quali post scegliere tra i cinquecentoquarantasette (ah, pero!) che ho pubblicato nel 2008... per cui chiedo a voi, cari lettori (il "cari" è sincero, non è mica un tentativo di captatio benevolentiae! ), di pensare a qualche mio post che vi abbia particolarmente colpiti e di segnalarlo nei commenti a questo articolo: c'è tempo fino alla mezzanotte del 31 gennaio, dopodiché i blog segnalati verranno valutati dalla giuria composta da Novecento, Teiluj, Sara Taricani, Dania, Clockwise, Catepol, Adamo, Azael e Rick. Va da sé che l'unica categoria nella quale non c'entro come i proverbiali cavoli a merenda (forse! ) è Miglior Post Di Attualità (giornalistico)...

sabato 17 gennaio 2009

Vale tanto oro quanto pesa

KakàLa notizia sportiva del momento è il probabile passaggio del fuoriclasse brasiliano Kakà al Manchester City: lo sceicco proprietario del club inglese ha offerto al giocatore un favoloso ingaggio di 15 milioni di euro netti a stagione garantiti per cinque anni, oltre a essere disposto a pagare 120 milioni di euro per il cartellino del Pallone d'Oro 2007.
Nonostante le proteste dei tifosi rossoneri, il presidente (del Milan, in questa circostanza) Berlusconi ha di fatto rinunciato a trattenerlo: «non si può dire di no a un ragazzo che ha una carriera che non è per tutta la vita e che ha le prospettive di avere introiti molto superiori a quelli che prende ora». E già, bisogna capirlo, un "poveraccio" che attualmente guadagna "solo" 9 milioni di euro all'anno (una somma che la maggior parte di noi comuni mortali non riesce a mettere insieme neppure in una vita intera): se rifiuta l'offerta, non è detto che riesca a garantire un tenore di vita principesco anche ai suoi bis-bis-nipoti...
Ma ora basta così, senza andare avanti con il prevedibile «con tutta la gente che non arriva alla fine del mese», altrimenti faccio proprio la figura della persona acida e invidiosa... tanto più che non posso affermare con assoluta certezza come mi comporterei se mi trovassi al posto suo!