Loading

domenica 27 luglio 2008

Ci si vede!

Nei giorni scorsi ho pubblicato una raffica di post perché avevo delle idee da smaltire: niente di cui la blogosfera non potesse fare a meno, chiaro...  Ma da domani questo blog si prende una pausa, in quanto la titolare parte per le vacanze, yeah! Già, le mie prime vacanze degne di tale nome da tempo immemorabile. Poi vi racconterò al ritorno, e se la mia cara vecchia digicamera mi assisterà conto di creare il mio primo set su Flickr. Quasi esclusivamente paesaggi e non ritratti, in quanto mi attengo alla regola aurea del «non fare agli altri quello che non vorrei che fosse fatto a me»! (Inoltre le nature morte mi vengono meglio... anzi, meno peggio!)
In verità, poiché avrò a disposizione un Internet Point, potrebbe venirmi la tentazione di bloggare da lì... ma io non sono Scuola di Ladri, che prima di partire per un mini-break ha scritto «Se riuscirò a resistere al richiamo della rete lo comunicherò immediatamente via Twitter dal primo internet point che trovo lungo la riviera adriatica» : se da domani a lunedì 4 agosto vedrete comparire qualche post su questo blog, siete autorizzati a venirmi a cercare per dirmene quattro. Dove? Eh, non ve lo dico... troppo facile sennò!
A presto, e statemi bene!

Strumentalizzazioni

A proposito dell'inqualificabile atteggiamento di Umberto Bossi nei riguardi dell'inno di Mameli, non è mancato qualcuno disposto a giustificarlo dicendo cose del tipo «Eh, ma il Senatùr non ha mica tutti i torti, quel testo fa venir voglia di mettersi le mani nei capelli!». Peccato che i gestacci di Bossi fossero ispirati da un'interpretazione errata dei versi: qualche tentativo di analisi logica si può leggere qui e qui.
La compagnia aerea low cost Ryanair ha approfittato della faccenda creando a tempo di record un banner che rappresenta una forma di pubblicità comparativa nei confronti dei concorrenti di Alitalia...

Di tutto uno spot

La donzella che ha dato inizio a questa discussione a proposito dello spot delle valigie Carpisa con Joaquín Cortés si è lasciata un tantino sopraffare dall'ormone... ma a me quell'uomo non dice un accidente, devo forse preoccuparmi?  Tra l'altro, personalmente mi chiedo il perché dello slogan «Muy ligera, mas forte». Forse qualcuno credeva che i telespettatori italiani potessero capire che muy significa molto, ligero vuol dire leggero e más significa più... ma non che in spagnolo forte si dice fuerte?
A proposito di valigie, insieme a mia madre ne ho acquistata una di marca in offerta... ma una volta giunte a casa ci siamo accorte che c'erano le chiavi ma mancava il lucchetto. Allora mia madre ha telefonato al negozio per chiedere se potevamo cambiare la valigia, e il commesso le ha risposto «Non occorre, se passate vi diamo il solo lucchetto, tanto le stesse chiavi li aprono tutti!». Ah, buono a sapersi... vorrà dire che mi arrangerò con qualcuno dei lucchetti che ho a casa!
Se c'è uno spot che non sopporto, è questo con la tizia che, quando le dicono che i biscotti che sta mangiando sono senza zucchero, scoppia in una risata esagerata quanto falsa!

Can he?

Barack Obama si incontra con i più importanti leader mondiali (Abu Mazen, Nicolas Sarkozy, Gordon Brown), e sembra quasi che si comporti come se fosse già stato eletto presidente degli Stati Uniti... Ma non è che alla fine quella vecchia volpe di John McCain gli giocherà un brutto tiro, come previsto da qualcuno nei commenti a questo post di Daria Bignardi?

sabato 26 luglio 2008

Chi vuoi che se ne accorga...?

Attualmente, in CentoVetrine, compare Carlotta Lo Greco nel ruolo di Bianca De Gregorio. Anche molti degli irriducibili aficionados delle vicende che gravitano attorno al centro commerciale torinese faticheranno a ricordare che già qualche anno fa quell'interprete ha fatto parte del cast della medesima soap... ma non nel ruolo della gemella cattiva di Bianca, bensì con un personaggio completamente diverso, quello di Elda Ponti. E dire che la giovane (la quale può vantare una love story durata due anni con Alessio Boni, ma io non sono invidiosa di lei. Non sono invidiosa, chiaro? ) non ha esattamente una fisionomia poco riconoscibile...
Questo "riciclaggio" mi sembra l'ennesima conferma che gli sceneggiatori di CentoVetrine non si fanno troppi problemi a prendere per fessi i telespettatori... Ma con me non attacca, visto che ho smesso da tempo di seguire quella soap!

Enigmi

Avevo intenzione di scrivere un post del tipo «Non mi spiego come mai ogni canzone cantata da 12345 65337 (a numero uguale corrisponde lettera uguale) debba diventare una hit»... ma poi ho deciso di lasciar perdere, o meglio di limitarmi a pubblicarlo in forma "criptata", per evitare un'invasione di "carampani" inferociti ben peggiore della singola incursione subita quando ho osato parlare in termini non proprio entusiastici di 12345 15342 (idem come sopra)!

La sQuola d'oggi

Ho scoperto un po' di cosette sull'ultimo anno scolastico:

  1. Quasi la metà degli studenti ha un debito formativo in matematica... e questo non può non far storcere il naso a un'amante dei numeri come me!

  2. Agli esami di maturità la percentuale degli studenti diplomatisi con 100 e lode è aumentata rispetto all'anno scorso, passando dallo 0,7% allo 0,9%. Un momento... 100 e lode? Come sarebbe a dire?! Ai miei tempi, prima della riforma, non mi risulta che esistesse la lode (e quando qualcuno ha provato ad assegnarla è dovuto intervenire il provveditore)... altrimenti a me un 60 e lode sarebbe spettato di diritto! O no...?

  3. Le ragazze sono più brave dei loro colleghi maschi... e ciò non mi stupisce affatto!

Una che purtroppo sa di cosa sta parlando

In queste settimane il caso di Eluana Englaro ha innescato un acceso dibattito sull'eutanasia. A tal proposito, secondo me vale la pena di leggere anche la testimonianza della madre del bimbo nato senza reni e uretere per la rarissima sindrome di Potter, e spentosi dopo ottanta giorni malgrado l'accanimento terapeutico (penso proprio che di questo si possa parlare) portato avanti dai medici.

Fresca come una rosa

Quando fa molto caldo, come è successo nelle scorse settimane (adesso per fortuna si sta decisamente meglio), può essere difficile sentirsi a proprio agio anche se si fa la doccia più volte al giorno, a causa degli spiacevoli effetti della traspirazione. Prima io usavo il Deodorante Spray Micro Talco Sanex, che ha l'indubbio vantaggio di non irritare la pelle dopo la depilazione... ma mi trovo molto meglio da quando ho provato il Déodorant Fraîcheur Extrême dei Laboratoires Vichy in versione "vaporizzatore senza gas" (esiste anche in crema, e dovrebbe essere ancora più efficace per i casi difficili).
Questo post potrebbe essere scambiato per un messaggio promozionale... ma vi assicuro che non prendo un centesimo dall'azienda. Comunque, se il signor Vichy vorrà sdebitarsi recapitandomi una cospicua fornitura di prodotti, non avrò proprio nulla da ridire!

Com'è la vita in Giappone?

Il mese scorso sono stata colpita da due notizie provenienti dal Paese del Sol Levante. La prima presentava il tragico fenomeno del Karoshi, vocabolo nipponico che designa la tendenza al suicidio per superlavoro. La seconda è quella del giovane di Tokyo che ha accoltellato i passanti uccidendone sette perché era «stanco di vivere». Forse in Occidente non si sta poi tanto male, va'...

Spero tanto che non sia vero

Nei mesi scorsi su centinaia di blog comparivano banner ironici e goliardici ideati dal Burbero scontroso e contenenti una foto di Benedetto XVI corredata dalla scritta «Il Papa condanna questo blog» oppure «Sito scomunicato», per indicare il fatto che i post pubblicati esprimevano opinioni difformi da quelle della Chiesa. A giudicare dalle tiratine d'orecchie ricevute da un mio cattolicissimo lettore (a proposito, dov'è finito?), forse quel banner non sarebbe stato fuori luogo su questo blog, per via di certe cose non proprio ortodosse che ho scritto... ma ho evitato di dotarmi del cosiddetto Papabanner perché mi pareva un po' troppo sfacciatamente anticlericale, e l'anticlericalismo a oltranza non mi dà meno fastidio del bieco bigottismo.
Per farla breve, quei banner sono praticamente spariti dalla Rete. Pare (per maggiori dettagli leggere qui e qui) che siano stati rimossi dal server sul quale risiedevano in seguito alle pressioni esercitate da esponenti della Curia.
Nulla di personale contro il Burbero scontroso, che neanche conosco, ma voglio sperare che tutta questa storia sia una semplice montatura escogitata da lui stesso per incrementare la propria notorietà e quella del suo blog. In caso contrario, non saprei cosa pensare del fatto che il clero si riduce a prendersela con un banner che potrà anche essere poco divertente (dipende dai punti di vista), ma di sicuro non è oltraggioso; su Internet si trova ben di peggio, credetemi. Ma mica qualcuno crederà sul serio che il Papa si sia davvero preso il disturbo di scomunicare qualche centinaio di blog che peraltro, presi tutti insieme, difficilmente raggiungono un decimo della popolarità di un Beppe Grillo?

venerdì 25 luglio 2008

Silk-épil addio?

La depilazione definitiva è un mio sogno da anni: magari potessi dire addio per sempre a Silk-épil, rasoi, cerette e affini... Purtroppo il costo delle sedute dall'estetista necessarie per risolvere il problema alla radice è notoriamente tutt'altro che trascurabile.
Giorni fa mi è arrivata per posta elettronica la pubblicità di un nuovo rivoluzionario prodotto: il depilatore laser personale TRIA, creato per ottenere nell'intimità della propria casa gli stessi risultati che finora erano possibili solamente rivolgendosi a professionisti; il tutto al costo di milleduecentocinquanta euro, che non sarebbe neanche eccessivo. Peccato che le controindicazioni previste si applichino a moltissimi/e potenziali clienti, me compresa, se non sbaglio...

Nessuno tocchi Caino

(Avvertenza: la visione dei filmati linkati in questo post è sconsigliata alle persone più impressionabili!)
Ma come si fa a ridere così sguaiatamente davanti a uno spettacolo del genere? In questo caso si trattava di un fantoccio e non di una persona in carne ed ossa, ma per quanto mi riguarda ho immancabilmente gli occhi pieni di lacrime alla fine di questa scena del mio film preferito, Il miglio verde... e non soltanto perché la vittima, sia pure per fiction, è un omaccione del tutto innocente dal cuore d'oro. Per fortuna quello scempio è stato interrotto...
Ho già scritto, e lo ripeto, che sono assolutamente contraria alla pena di morte, senza se e senza ma: è terribile che un essere umano, in preda a un raptus di follia o a "semplice" malvagità, possa arrivare per esempio a massacrare un proprio simile oppure a violentare un bambino... ma l'idea che lo Stato possa togliere la vita a qualcuno, a sangue freddo e con l'avallo della legge, la trovo ancor più raccapricciante.
A proposito, oggi al telegiornale si è rivisto Romano Prodi, premiato come abolizionista dell'anno per il suo impegno in favore della moratoria sulla pena di morte. Chi leggendo questo blog si è fatto un'idea su come la penso non si stupirà se dico che sento la mancanza dell'ex premier... ma neanch'io prevedevo che mi sarebbe mancato così tanto. So bene che il suo biennio al governo non è stato memorabile, ma se non altro il bofonchiare del Mortadella non mi provocava accessi d'ulcera come queste parole del Berlusca! Spero almeno che sempre più persone capiranno qual è la libertà alla quale lui non perde occasione di fare riferimento: la libertà di non doversi preoccupare di spiacevoli seccature, come l'intervento di magistrati che (con possibili ma rare eccezioni) lavorano per accertare la verità...

giovedì 24 luglio 2008

Economia aziendale for dummies

Oggi cercavo qualche documento che potesse darmi un'infarinatura sull'IVA, e googlando sono finita su SlideShare. Lì ho trovato parecchie presentazioni che facevano al caso mio, molte delle quali devono essere state preparate da studenti di economia aziendale; quella che mi è sembrata più completa e soddisfacente per le mie esigenze è questa (peccato solo per il font, che farebbe prudere le mani ai creatori di questo sito... ). Spero tanto che quei ragazzi si siano meritati un bel voto!

Ogni occasione è buona

Le amiche dell'A.P.E. Onlus mi informano che saranno presenti con uno stand a uno degli eventi più importanti dell'estate pescarese, la festa di Sant'Andrea, in programma dal 26 al 28 luglio prossimi. Anche un'occasione ricreativa come questa può essere importante per informare la gente sull'endometriosi, una malattia complessa e cronica, ma non adeguatamente conosciuta, che colpisce 14 milioni di donne in Europa. Invito i visitatori e soprattutto le visitatrici di questo blog che nei giorni della festa si troveranno a Pescara a farci un salto... e anch'io credo che non mancherò!

Tintarella di luna


Proteggere il mio diafano incarnato dai raggi solari è l'unico modo che ho per distinguermi dalla folla: non potrei mai competere con l'abbronzatura del pescarese medio, poiché nel migliore dei casi, dopo un'esposizione prolungata al sole, la mia pelle assume un colore che ricorda mica tanto vagamente un'aragosta...



 


Se in questi giorni in giro per Pescara vi imbattete in una tipa dal pallore spettrale, c'è un'elevata probabilità che si tratti proprio di me! Credo di essere una dei pochi residenti in questa città a non essere mai andata in spiaggia quest'estate, se si eccettua una passeggiata sul bagnasciuga ormai quasi deserto lunedì sera dopo le diciannove. Tra i pochi turisti che si godevano la salubre e relativamente fresca aria del momento c'era una ragazza che teneva in braccio... no, non un bambino, e neppure un chihuahua o uno yorkshire, bensì una stupenda coniglietta candida che sembrava uscita dal cilindro di un prestigiatore. «L'aria di mare le fa bene», ci ha detto la padrona...

Coniglietto biancoPer quanto mi riguarda, prevedo che la prossima settimana, in occasione delle ferie, rinuncerò a sottrarmi alla tintarella: ho già comprato il solare PrimiGiorni & Tropical Week di Bilboa, con fattore di protezione 30. Poi vi farò sapere come mi sono trovata...

Dura farsi strada...

Antonella Clerici ha dichiarato che, tra le sue colleghe nel mondo dello spettacolo, ammira particolarmente Simona Ventura e Maria De Filippi perché sono «due che la gavetta l'hanno fatta. Come me». Ok, finché si riferisce a sé stessa oppure alla Ventura, il discorso fila abbastanza (secondo me agli inizi la Simo era anche più brava di adesso che ha raggiunto la grande popolarità)... ma credo che una delle ultime persone per le quali si può parlare di gavetta sia la De Filippi: probabilmente, se non avesse incontrato un certo giornalista coi baffi (il quale, scopro adesso con sorpresa, è nato a Pescara), adesso farebbe l'azzeccagarbugli in provincia...

Un mattacchione

Lapo Elkann ne ha combinata un'altra delle sue: spalleggiato dagli amici, ha tentato di impadronirsi di un taxi a Capri con la scusa che era una Fiat Marea, e quindi "roba sua". Ma bisogna capirlo, povero figlio: dev'essere dura vivere una condizione di svantaggio sociale come la sua...

Quelli che sono più uguali degli altri

Nel corso della puntata di Blob di questa sera sono andati in onda alcuni spezzoni risalenti al 1998. In alcuni compariva un Silvio Berlusconi più giovane di dieci anni... ma non ho potuto fare a meno di notare che in realtà sembrava più anziano di adesso! Gran brutta cosa, l'incapacità di accettare il trascorrere del tempo... (E non dite che all'epoca il Berlusca aveva una brutta cera perché al governo c'era la sinistra!)
Frattanto il Cav è riuscito a portare a casa l'ennesima legge ad personam, che a detta del ministro Angelino Alfano rende il nostro Paese più affine alle altre democrazie occidentali... anche se molti la pensano in modo opposto. Il fatto che il presidente Giorgio Napolitano l'abbia firmata non depone certo a suo favore, dal mio punto di vista...
E adesso sarà la volta del disegno di legge sulle intercettazioni, anche se probabilmente il governo non la passerà così liscia. Oggi i conduttori dei principali telegiornali Rai hanno letto un comunicato dell'USIGRai contro la paventata legge-bavaglio... e secondo me la Petruni del Tg1 ha dovuto farsi violenza per enunciare affermazioni che andavano così apertamente contro l'interesse del "suo" premier! (Oppure ce l'ho soltanto io, l'impressione che abbia un debole per lui?)

mercoledì 23 luglio 2008

Generazione Internet

L'altro giorno al telegiornale si parlava dell'ultima moda online che sta contagiando i giovani d'oggi: quella di utilizzare social network come Facebook per fare amicizia con coetanei di tutto il mondo. Una tendenza che, stando a quello che c'è scritto qui, non è particolarmente tranquillizzante...
A tal proposito, mi torna in mente una scena tratta da uno spettacolo teatrale di Corrado Guzzanti! (Occhio che il tono di voce si alza parecchio sul finale...)

Alla ricerca della propria identità

Me la immagino, la rivelazione canora dell'anno (?) Giusy Ferreri che muore dalla voglia di gridare al mondo «Al prossimo che mi paragona alla Winehouse, gli faccio quello che la stessa Amy ha tentato di fare a un tizio del pubblico!».

Una bomboniera!

Quizzello: a chi appartiene questa Ford StreetKa rosa confetto parcheggiata lungo una strada di Milano?
Un piccolo indizio: trattasi di un personaggio televisivo alquanto eccentrico...


Indovinato? Beh, adesso ve lo svelo io l'arcano: il proprietario è Jonathan Kashanian, vincitore del Grande Fratello 5. Che ve devo di'... io adoooooro il modello e soprattutto il colore di quella macchina!

martedì 22 luglio 2008

Addirittura?!

Ho letto commenti tutt'altro che entusiastici sull'iPhone, sulle sue funzionalità non proprio all'avanguardia e sul suo rapporto qualità/prezzo ben poco concorrenziale, specialmente per chi come me non fa del cellulare un utilizzo intensivo e quindi non ha nessuna convenienza a sottoscrivere qualche forma di abbonamento mensile... ciononostante ho provato una certa irritazione quando ho visto ciò che quest'uomo è stato capace di fare al gadget tecnologico del momento!

Cucina estiva

Mentre cercavo ricette per insalate di pasta che non prevedessero l'uso di Condipasta e intrugli simili, ho trovato questo post di ricette ideali per una fresca cena estiva, collegato a questo sito. Molto, ma molto sfizioso... yum!

Firefox vs IE

Ops, ho il sospetto di essere stata io ad innescare, nei commenti a questo post, il dibattito fra gli irriducibili utenti di Internet Explorer e gli aficionados di Mozilla Firefox...

Incentivi deleteri

Giorni fa mi è arrivata per posta elettronica una newsletter del CTS dedicata alla promozione «Estate leggera». Se non ho capito male, al contrario di ciò che veniva lasciato intendere su Soldiblog, la tariffa per i voli diretti verso la Grecia e la Spagna tendenzialmente cresceva con il peso del passeggero. A me questo sembra un incentivo in più, rivolto a migliaia di esili fanciulli e soprattutto fanciulle, per sottoporsi a diete ferree nella speranza di risparmiare qualche soldino...
Personalmente sono impermeabile a certe promozioni... tanto, se anche avessi in programma di prendere l'aereo, non avrei nessuna possibilità di rientrare nella fascia di peso più vantaggiosa: il peso minore che ho fatto segnare dall'adolescenza in poi è stato di circa 54 kg, e non stavo certo bene in quel periodo...

lunedì 21 luglio 2008

Troubleshooting 2 - La vendetta

Fra i problemi che ho riscontrato dopo la reinstallazione del sistema operativo, c'era anche l'impossibilità di completare lo ScanDisk: al termine della fase 2, compariva il messaggio «Impossibile completare il controllo del disco». Niente da fare, quando si tratta di argomenti specifici non c'è Yahoo! Answers che tenga: anche stavolta mi è venuto in aiuto l'impagabile HTML.it forum. Nel mio caso è stato sufficiente aprire il prompt dei comandi, digitare chkdsk c: /f, premere Invio e poi riavviare il sistema affinché il controllo degli errori del disco andasse a buon fine!

venerdì 18 luglio 2008

Bentornato BlogBabel!

Dopo essersi preso una pausa di riflessione durata qualche mese, BlogBabel ha finalmente riaperto con tante novità, la prima delle quali salta all'occhio è il look. Migliaia di blogger italiani celhopiulunghisti staranno facendo i salti di gioia... ma vi ricordo che BlogBabel è molto di più della semplice classifica! Ciò non significa che io abbia resistito alla tentazione di controllare come sta messo il mio blog, lo ammetto. Attualmente sono quattromilaottocentocinquantanovesima su 13213 blog monitorati, che in fondo non è un granché... ma mi ha fatto piacere notare che la freccina indicante l'andamento della mia posizione in classifica (giusto?) punta verso l'alto!

Troubleshooting

Dicesi troubleshooting una forma di problem solving che consiste nel cercare sistematicamente la causa di un problema in modo da poterlo risolvere: un concetto che qualunque utente Windows conosce benissimo, anche se non è detto che sappia dargli un nome!
Nel mio piccolo ho dovuto fare troubleshooting dopo aver reinstallato Windows XP, in quanto si sono manifestati dei problemi inediti, il primo dei quali decisamente rilevante dal punto di vista della sicurezza del sistema. Ma che cosa è successo?

  1. Dopo aver completato la reinstallazione, ho provveduto a visitare Microsoft Update per scaricare i necessari aggiornamenti, ma dopo averne installati con successo alcuni (tra i quali il Service Pack 3) il sistema non ha più voluto saperne di aggiornarsi: le patch venivano regolarmente scaricate, ma poi l'installazione falliva. Ho quindi deciso di aprire una discussione nel forum di HTML.it e nel giro di poche ore ho avuto la soluzione: un utente mi ha gentilmente segnalato questa pagina del sito Microsoft Aiuto & Supporto. Io ho seguito il metodo 1, che consiste nel registrare il file Wups2.dll, perché a questo punto preferisco evitare di installare programmi che non siano indispensabili... Fatto sta che adesso Windows si aggiorna correttamente.

  2. Tra i software che ho reinstallato c'era Google Earth... e misteriosamente, dopo averlo lanciato, tutto il mondo appariva grigio scuro, con dei puntini sparsi qua e là corredati dei nomi delle località. Vabbe' che a quell'ora fuori era buio, ma non capivo perché mai la simulazione dovesse essere tanto realistica!  La soluzione al mio problema l'ho trovata in questa pagina del Centro Assistenza di Google Earth: nel mio caso è stato sufficiente seguire le istruzioni per disabilitare la gestione automatica dei cookie in Internet Explorer (la cosa buffa è che non utilizzo abitualmente IE come browser)... ed è tornata la luce!


Insomma, fin qui la "colpa" è stata tutta di Microsoft... ma devo ammettere che anche ripristinare la configurazione di Mozilla Firefox è stato meno semplice del previsto, più che altro perché è passato troppo tempo da quando ho eseguito certe impostazioni perché potessi ricordarmi la procedura. Magari racconterò qualche dettaglio in futuro, quando (e se) dedicherò un post alle estensioni di Firefox che reputo più utili.
In conclusione: è valsa la pena di reinstallare il sistema operativo? In fin dei conti, direi proprio di no! Sulle prime il pc andava come una scheggia ma poi, man mano che reinstallavo il software, per quanto abbia rinunciato ad alcuni dei programmi precedentemente installati, il rallentamento è stato inesorabile... e adesso il mio notebook è poco più veloce di quanto non fosse prima del ripristino!

lunedì 14 luglio 2008

Terremoto in Regione

Anche gli organi di informazione nazionali stanno dando ampio risalto a una notizia che riguarda la regione in cui vivo: l'arresto del presidente (anche detto governatore, che fa tanto americano ) della Regione Abruzzo Ottaviano Del Turco, assieme a una decina di altri assessori e funzionari. I reati contestati? Associazione per delinquere, concussione, corruzione, riciclaggio, truffa, falso e abuso d'ufficio.
A tal proposito, Berlusconi ha espresso le sue perplessità sui «teoremi accusatori». Potrebbe sembrare strano, visto che Del Turco è stato eletto nelle file dell'attuale opposizione... ma invece non lo è affatto, dal momento che questa vicenda offre al premier l'ennesimo spunto per attaccare la magistratura!
Per quanto mi riguarda, se il garantismo d'obbligo in questi casi non mi imponesse di attendere ulteriori sviluppi, direi che provo vergogna al pensiero che, se non ricordo male, Del Turco l'ho anche votato... sia pur turandomi il proverbiale naso!

Pulizie generali

Siccome sono il tipo di persona che di norma le promesse le mantiene, ieri pomeriggio ho finalmente affrontato la reinstallazione di Windows XP, alleggerendo moltissimo il mio povero notebook... anche se sono saltate fuori magagne nuove di zecca: la rimozione sicura dell'hardware fa cilecca, l'installazione degli aggiornamenti di Windows successivi al Service Pack 3 non va a buon fine... Uffa!!!
Fino a ieri, parlando dell'incombenza che mi aspettava, usavo la parola formattazione, ma poi ho scoperto che in realtà non ci sarebbe stato bisogno di digitare il fatidico format c: in nessun prompt del DOS. È stato sufficiente riavviare il pc dopo aver inserito il dvd del sistema operativo, premere un tasto qualsiasi quando è apparsa la scritta «Press any key to boot from CD» (soltanto la prima volta e non anche le successive, sennò ricominciava tutto daccapo!), selezionare dal menu che è apparso l'opzione più opportuna, confermare per due volte che accettavo di cancellare tutti i file (chissà perché non sono riuscita a farlo a cuor leggero? ), digitare il Product Key stampato su un'etichetta appiccicata sotto il notebook... e poco altro.
Devo ammettere che la reinstallazione è stata assai più semplice e rapida di quanto mi aspettassi. L'aspetto più problematico è stato il backup! Il trasferimento dei dati dal pc all'hard disk esterno e viceversa è stato interminabile, non senza qualche stranissimo intoppo: rispetto all'ultimo backup che avevo fatto i file sono probabilmente aumentati, ma non così tanto da spiegare perché mai ci sia voluto oltre il doppio del tempo!
Quel che è certo è che il mio portatile è ringiovanito tantissimo... ma, per stare ancora meglio, a questo punto gli ci vorrebbe una bella batteria nuova: l'autonomia si è ridotta a circa un terzo di quella registrata ai tempi d'oro, per non parlare di spiacevoli effetti come lo spegnimento improvviso (prima il sistema riusciva almeno a portare a termine la procedura di sospensione). Però non ho idea di quanto possa costare questo scherzetto...

sabato 12 luglio 2008

Salvare la cronologia chat di Skype

Siccome è arrivato il week-end, in questo momento dovrei essere impegnata a mantenere la promessa fatta al mio notebook, formattando e reinstallando tutto... e allora come mai sto ancora bloggando? Giusto il tempo di un ultimo post e poi mi immergo di nuovo nel backup (non sia mai che mi perda per strada qualche file importantissimo), promesso!  A mia "discolpa", comunque, faccio notare che questo post ha senso proprio dal punto di vista del backup.
Gli utenti Skype avranno notato l'assenza di un comando di menu per salvare la cronologia delle chat. Possibile che non ci sia un modo per conservare a futura memoria gli scambi di messaggi avuti con gli amici? Beh, in effetti il modo esiste, anche se è un po' involuto e funziona solamente se è attivato il salvataggio automatico della cronologia chat (il che dovrebbe avvenire per default): l'ho scoperto qui.
Nella finestra Contatti di Skype, cliccate con il pulsante destro sull'utente di cui volete archiviare la cronologia chat, selezionate l'opzione Avvia una chat..., nel campo destinato alla composizione dei messaggi digitate /htmlhistory e premete Invio (oppure cliccate sull'apposito pulsante). Nel browser si aprirà una pagina contenente la cronologia desiderata, bella e pronta per essere salvata in formato html dove preferite!

Blog news

Quello che hanno scoperto i ricercatori l'ho sempre sospettato... o perlomeno mi piaceva pensarlo! (Sul miglioramento della socialità sarei un po' scettica, a dire il vero)
Sempre a proposito di blogosfera, vi segnalo che è uscito il primo numero del "periodico occasionale" (che spero diventi abituale) BlogTime, a vostra disposizione per scaricarvelo aggratis!

Customer satisfaction

Stamattina ho ricevuto una telefonata da un operatore Telecom Italia il quale mi ha gentilmente chiesto se, in seguito alla chiamata che ho fatto l'altroieri al 187, avevo risolto i miei problemi con l'ADSL. Accidenti, questa sì che è attenzione alla soddisfazione del cliente! Ho risposto che era tutto ok, e già che c'ero ho aggiunto «Se dovesse chiamare qualche altro utente con un problema simile al mio, ho scoperto che dipendeva dal fatto che le ultime patch di Windows XP bloccano il firewall ZoneAlarm, a meno di non abbassare il livello di protezione». L'operatore si è pure complimentato con me. Mica male farsi belli con le competenze altrui, no?

Fido non si tocca!

In occasione delle prossime Olimpiadi, nei ristoranti di Pechino non verranno servite pietanze a base di carne di cane. Oh, meno male... ma questa notizia ha suscitato in me un tremendo sospetto: non è che i ristoranti cinesi di casa nostra si approvvigionano delle stesse materie prime, spacciandole per carni in uso nella dieta mediterranea per non urtare la sensibilità occidentale, e dietro il pollo che trovo tanto appetitoso c'è in realtà qualche animale d'affezione? Lo escluderei, tanto più che la carne canina ha un costo elevato non compatibile con i prezzi praticati dai ristoranti cinesi nostrani... ma la suggestione ha la sua importanza, e quindi non so se me la sentirò di tornare tanto presto a prendere la cena al take away cinese!

Una vecchia conoscenza del Pupone

Il nome di Christian Poulsen, nuovo centrocampista della "mia" Juve, mi pareva di averlo già sentito da qualche parte... Ah, ecco!

venerdì 11 luglio 2008

Difficilissimo prendere posizione

Dopo anni di battaglie legali, i giudici hanno deciso di autorizzare l'interruzione del trattamento di idratazione ed alimentazione forzato che tiene in vita Eluana Englaro, in stato vegetativo permanente da oltre sedici anni. Prima non comprendevo la determinazione con la quale il padre della ragazza si è sempre battuto per porre fine all'esistenza di sua figlia, continuando a ripetere che, prima di rimanere vittima del tragico incidente stradale, Eluana aveva avuto modo di affermare chiaramente che avrebbe preferito morire qualora si fosse trovata in certe condizioni... ma, dopo aver letto le parole dell'uomo, «Dolore? Mia figlia è morta 16 anni fa», ho capito che non posso permettermi di giudicarlo.
Un atteggiamento ben diverso è stato adottato dal Vaticano, che ha paragonato la sospensione dell'alimentazione forzata all'eutanasia. A me sembra invece che il trattamento in questione sia più simile all'accanimento terapeutico, pratica della quale si parla nel Catechismo della Chiesa Cattolica (punto 2278) in questi termini:
L'interruzione di procedure mediche onerose, pericolose, straordinarie o sproporzionate rispetto ai risultati attesi può essere legittima. In tal caso si ha la rinuncia all'"accanimento terapeutico". Non si vuole così procurare la morte: si accetta di non poterla impedire. Le decisioni devono essere prese dal paziente, se ne ha la competenza e la capacità, o, altrimenti, da coloro che ne hanno legalmente il diritto, rispettando sempre la ragionevole volontà e gli interessi legittimi del paziente.
Ora, alcuni affermano che smettere di alimentare Eluana equivale a condannarla a una morte atroce per fame e sete, ed io non me la sento di escluderlo, per quanto i giudici siano stati rigorosi nel compilare il paragrafo intitolato «disposizioni accessorie cui attenersi in fase attuativa»: Eluana è in grado di aprire gli occhi, chi ci assicura che non sia in condizione di provare dolore? Ma pure se il paziente è un malato terminale non è mica detto che, sospendendo terapie ormai inutili che lo tengono in vita, la morte sopraggiungerà senza terribili sofferenze, a meno che non gli venga somministrata qualche sostanza per rendere il trapasso più rapido e indolore (eventualità esplicitamente condannata dalla Chiesa). Insomma, io penso che in una vicenda così dolorosa e controversa bisognerebbe evitare di prendere posizioni troppo nette...

Uno strumento di meditazione

Ecco una notizia che potrebbe interessare ai consumatori abituali di marijuana: la Corte di Cassazione ha sentenziato che i rasta hanno il diritto di detenere quantità di "erba" maggiori di quelle normalmente ammesse per uso personale, in quanto nella loro religione la marijuana non è solo un'erba medicinale, ma anche un'erba meditativa. Scommetto che a questo punto parecchia gente inizierà a "meditare" sull'eventualità di convertirsi al rastafarianesimo!
A proposito di ganja, mi è tornato in mente il Ganja Man di Zelig... quello di «respect», ricordate?

Ognuno ha le sue priorità

Non mi reputo una benpensante né tantomeno una moralista (cosa posso farci se molti dei più intransigenti bacchettoni iniziano così i loro discorsi? ). Quando Simona Ventura ha raccontato nella sua autobiografia di aver abortito da ragazzina, spiegando che ne parlava «perché voglio che si capisca che abortire è una scelta dolorosa, ma che la libertà va lasciata alle donne», ho voluto credere alla sua buona fede. Ma mi sono letteralmente cascate le braccia quando ho letto che Valeria Marini, nel suo nuovo "imperdibile" libro, racconta di aver vissuto un'esperienza analoga, nel corso della sua relazione con Vittorio Cecchi Gori, in questi termini: «Ero disposta a qualsiasi sacrificio, ma quando ho dato la notizia a Vittorio, la sua risposta è stata: "E come facciamo ad andare in barca?"... Di comune accordo abbiamo deciso di interrompere la gravidanza». Oggi la "burrosa" showgirl, la cui sovraesposizione è per me uno dei più grandi misteri dei media italiani, ha la faccia tosta di affermare che non ha mai smesso di pensare a un figlio... Meglio che non mi pronuncio, va'!

Articolo 3

Dalla Costituzione della Repubblica Italiana:
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
Meditate, gente, meditate! (Ovviamente non mi è venuto in mente di citare questo articolo così senza motivo, bensì pensando ad almeno un paio di provvedimenti del governo molto discussi negli ultimi giorni...)

giovedì 10 luglio 2008

Tagliata fuori

Con mio sommo disappunto, da ieri sera non riuscivo a collegarmi a Internet. Apparentemente il tentativo di connessione andava a buon fine, ma poi il pc non voleva saperne di scaricare l'e-mail con Mozilla Thunderbird né di aprire Google con Mozilla Firefox, e il numero di byte scambiati con la Rete risultava irrisorio.
Il mio (tutt'altro che infallibile) intuito mi suggeriva che potesse trattarsi di un problema software: forse il pc starà semplicemente cercando di dirmi che ormai è ingolfato oltremisura? Quindi mi ero già rassegnata a sottoporlo alla procedura che rimando da troppo tempo, ma che diviene più urgente a ogni giorno che passa: formattazione e reinstallazione completa. Poiché oggigiorno non è saggio affrontare questa impresa senza poter contare sull'ADSL per scaricare almeno gli aggiornamenti di Windows e le ultime versioni dei programmi essenziali, ho telefonato al 187 per assicurarmi che il problema non dipendesse dalla linea. Ebbene, Alice era a posto, in quanto l'operatrice mi ha comunicato che al sistema risultavo regolarmente connessa. Dopodiché lei mi ha suggerito che la causa del malfunzionamento potesse essere di natura software, tipo un firewall o un antivirus che bloccano il traffico... e io ero un po' perplessa, perché non mi pareva di aver minimamente alterato la configurazione di AVG Free né di ZoneAlarm; cionondimeno, ho provato a disattivare il firewall, e... magia, eccomi in Rete!
Il tempo di aprire il client di posta elettronica e ho scoperto che cosa era successo, grazie al solito Paolo Attivissimo, il quale ha linkato una pagina che illustra il problema e le relative soluzioni: c'è lo zampino di Windows, tanto per cambiare...  Per il momento ho settato il livello di sicurezza di ZoneAlarm a medio, anche se il firewall ricorda che tale impostazione è «consigliata per un uso temporaneo su internet», e non è esattamente questo il mio caso...
Comunque, questo fine settimana è la volta buona che reinstallo tutto: ormai gliel'ho promesso, al mio povero notebook!  Ho già iniziato a predisporre il backup e ad annotare i programmi che ho installato e che potranno servirmi in futuro...

mercoledì 9 luglio 2008

Sempre eroi sono


Ci pensavo giusto ieri: ma alla fine non è che gli oneri della cosiddetta Robin Hood Tax, ideata con il lodevole intento di togliere ai ricchi (banchieri, assicuratori e petrolieri) per dare ai poveri, ricadranno sui cittadini? Evidentemente non sono così sprovveduta come credevo, dato che oggi un concetto analogo è stato espresso nientepopodimenoché dal governatore della Banca d'Italia Mario Draghi (in maniera infinitamente più circostanziata di quanto potrò mai riuscire a fare io, inutile dirlo).
Nel frattempo il nomignolo della tassa è stato abbreviato in Robin Tax: praticamente, la tassa dell'assistente di Batman. Ovviamente il mitico Spinoza non poteva lasciarsi sfuggire l'occasione di esercitare la sua ironia al riguardo!

Lettera alla Guzzanti

Cara Sabina,
devi sapere che spesso e volentieri mi trovo d'accordo con te... cionondimeno sono e resto convinta che ci sia modo e modo per esprimere il proprio punto di vista! Ieri, al "No Cav Day" in Piazza Navona a Roma, hai davvero esagerato.
Era proprio il caso di affermare con tanta enfasi che Mara Carfagna deve il suo attuale ruolo politico di assoluto rilievo al fatto di aver concesso favori sessuali al premier? Che ne sia stata l'amante lo sospettano in tanti, ma al momento attuale la questione è più o meno a livello di pettegolezzo (come le dicerie sul leader della Lega Nord, il quale avrebbe avuto l'ictus mentre era in compagnia di una cantante italiana abbastanza nota): non sono ancora state pubblicate le relative intercettazioni... e chissà se usciranno mai. Quel che si può sostenere con un ragionevole grado di certezza è che la Carfagna ha bruciato le tappe in politica grazie alla sua notorietà mediatica e alla sua avvenenza (a stigmatizzare la sua inadeguatezza ha già provveduto Filippo Facci, che non è certo di sinistra). Anche solo questo è uno sfregio, non ti pare? E poi, lei non è mica il primo personaggio televisivo che entra in Parlamento con le stesse credenziali, purtroppo; molti di quelli che sono stati eletti in passato si sono fatti notare solamente per il loro assenteismo.
Per quanto riguarda le tue sferzate al Papa... ti dirò che personalmente sono convinta che Benedetto XVI non passerà alla storia per essere stato il pontefice che ha dato prova dell'atteggiamento più autenticamente cristiano. Ma da qui a schiaffarlo all'inferno (e nelle grinfie di quali aguzzini, poi!) ce ne corre, suvvia...
Insomma, esternazioni come le tue potevano soltanto nuocere all'immagine di una manifestazione alla quale, come ho risposto nel sondaggio di Excite, avrei partecipato se fossi stata a Roma. Oggi praticamente nessuno parla del motivo per cui è stata indetta (la protesta contro le leggi-canaglia, per chi non lo sapesse) né delle adesioni che ha ottenuto... ma in compenso sono tutti informatissimi sull'intervento di Beppe Grillo, sulla tua performance e sulla querela che ti beccherai. Dal Giappone, quello che avrebbe dovuto essere il principale bersaglio della protesta ha lapidariamente bollato la manifestazione di ieri come spazzatura (vabbe', l'avrebbe fatto anche se nessuno fosse andato sopra le righe). Alla fine Veltroni e gli altri del PD sono stati lungimiranti nel chiamarsi preventivamente fuori dall'iniziativa, non accogliendo l'appello di Paolo Flores d'Arcais, uno degli organizzatori. E io che ero convinta che stessero perdendo un'ottima occasione per fare realmente opposizione! (L'affermazione «Non manifestiamo a gratis» era odiosetta anzichenò, comunque)
Vabbe', ci si riproverà in autunno, quando la gente non avrà la scusa del caldo né quella delle vacanze per disertare. A tal proposito, su Voglio scendere ho trovato una vignetta abbastanza significativa...

martedì 8 luglio 2008

Mettetevi alla prova

Se vi va di verificare le vostre conoscenze di Geografia, qui c'è un giochino: quanti Stati riuscite a nominare in cinque minuti? Io ho fatto 52 su 270, 'nsomma... Non appena si è scritto un nome esatto, il campo si resetta senza che si debba premere Invio (piccolissimo particolare, i nomi bisogna scriverli in lingua inglese...). Allo scadere del tempo, il sistema vi ricorda premurosamente quali Stati avete dimenticato. Ma come ho fatto a scordarmi Pridnestrovie e Niue... forse perché non li avevo mai sentiti nominare?
(Il test in questione l'ho trovato qui... Inutile dire che voglio provare un bel po' dei giochetti elencati!)

lunedì 7 luglio 2008

Messaggio ricevuto

A volte capita di scrivere un post apparentemente "tranquillo", che poi però è in grado di scatenare reazioni per certi versi illuminanti. A me è successo dopo aver pubblicato questo post. Ieri ha ricevuto un commento anonimo contenente solo URL incomprensibili, e io l'ho cancellato senza pensarci due volte. Oggi ho scoperto che il post in questione aveva ricevuto altri 31 commenti (anche questi anonimi, e con anonymous identifier tutti differenti) tra le ore 0.34 e le 8.29. Ohibò, trentun commenti? E chi sono io, l'Attivissima? Ebbene, si trattava di una lunghissima sfilza di link a Google Groups apparentemente riferiti a medicinali.
Morale della favola? Evidentemente, per essere presi di mira dallo spam, la via più sicura è provare a spiegare come si fa a combatterlo. Ciò che mi consola è che probabilmente la validità di questa regola è stata sperimentata da blogger assai più smaliziati di me...
Vorrei "ringraziare" l'anonimo (sempre che non si sia trattato di qualche diavoleria automatica) che mi ha fatto dono di tale inestimabile verità. Caro anonimo, sei gentilmente pregato di andare a dispensare il tuo messaggio da qualche altra parte, grazie!
(Per il momento ho cancellato tutti i commenti-spam rendendo il post bersagliato non più commentabile, e vediamo come va)